Il mio nuovo progetto di viaggio in solitaria: San Francisco e Hawaii

Il mio nuovo progetto di viaggio in solitaria: San Francisco e Hawaii

Negli ultimi anni il mio obbiettivo principale è stato di visitare gli Stati Uniti. I miei viaggi in solitaria mi hanno portato in gran parte della east e west coast passando tra le zone più belle e le città più importanti degli States. Anche per questa estate ho organizzato un viaggio che mi porterà nuovamente in terra americana alla scoperta di San Francisco e delle Hawaii.

Hawaii

Nonostante i recenti problemi dovuti all’eruzione del vulcano Kilauea, ho deciso di non rinunciare e di andare comunque. Ho investito molto per poter fare questo viaggio, in termini economici, di energie e di tempo che non sarà di certo un vulcano a fermarmi…almeno spero!!!

Ho una grande aspettativa e vorrei che tutto il viaggio sia all’insegna dell’avventura e della scoperta di queste isole che nel mio immaginario sono così lontane e così insolite rispetto alle solite mete che le persone vogliono visitare. E sicuramente, il fatto che il vulcano stia eruttando da un mese a questa parte, dà quel pizzico in più di avventura e forse anche un pò di pericolo che rende tutto ancora più bello. Inoltre per la prima volta soggiornerò in ostello, che normalmente non è la mia scelta primaria, ma voglio sempre provare cose nuove e uscire dalla mia comfort zone durante i miei viaggi.

Sicuramente la meta non è tra le più economiche ed è difficile organizzare un viaggio low-cost, anche perché la maggior parte delle persone visita queste isole in viaggio di nozze.
Nonostante i costi elevati, per come la vedo io, non bisogna rinunciare o decidere per altre mete più comode perché quando si ha sogno o una meta in testa bisogna fare di tutto per raggiungerla.

Hawaii

Per me il viaggio inizia dal primo momento in cui l’idea di una metà mi entra in testa, per poi proseguire con l’organizzazione, magari anche avendo delle difficoltà per poterla realizzare. Comprende anche fare 3 lavori per poter arrivare al budget utile per poter pagare tutto, far tardi la notte per dover scegliere dove dormire o per organizzare i vari itinerari. Vuol dire passare ore e ore a leggere blog, guide e articoli per documentarsi in modo da proiettarmi, seppure con l’immaginazione, sul posto…come se stessi già viaggiando.
In fin dei conti se fosse una cosa semplice non sarebbe così interessante.

Ho deciso di strutturate il mio viaggio facendo tappa di arrivo e di ripartenza a San Francisco, che sfortunatamente non sono riuscito a visitare nel mio ultimo viaggio in solitaria in California. Forse la città più europea degli Stati Uniti, influenzata dalla cultura hippy e dai suoi mille colori. Dopo di che inizierà il mio itinerario tra le isole.
La prima su cui atterrerò sarà Oahu, la cui capitale è Honolulu. Il mio ultimo ricordo di questa località è legato alla mia infanzia e al film La spada nella rocca, dove Merlino spicca il volo pronunciando la famosa frase “Honolulu arrivooo“.

Hawaii

La seconda tappa sarà Kauai, che è l’isola più selvaggia di tutto l’arcipelago e forse quella che dal punto di vista naturale può regalare più emozioni, con i suoi colori e la sua natura incontaminata, con le scogliere a picco sul mare tanto belle da mozzare il fiato.

Il vulcano Kilauea mi aspetta nella terza tappa del mio viaggio, sull’isola di Big Island. Spero che la situazione possa calmarsi per il mio arrivo in modo da poter salire proprio sulla cima del vulcano. Purtroppo l’eruzione è stata la più importante degli ultimi 100 anni e ha compromesso tutta la zona del Parco Nazionale che ospita proprio il vulcano con il suo fiume di lava che ha raso al suolo molte case e strutture ed ha cancellato una delle baie più belle di tutte le Hawaii, la baia Kapoho gettando nello sconforto tutti gli abitanti l’intera popolazione.

Ultima tappa del mio viaggio sarà Maui. Molti dicono che sia l’isola che in termini di emozioni, regala meno delle altre. Ma dalle mie ricerche ho trovato delle spiagge e dei punti di osservazione con dei tramonti che sembrano quasi dipinti per quanto sono belli.
Uno dei miei obbiettivi sarà anche quello di provare a fare surf, nonostante una delle mie più profonde paure che è quella degli squali o più in generale di quello che si può trovare nell’acqua. Dopo di che vorrei cercare di entrare il più possibile nella filosofia di questo popolo così affascinante.

Hawaii

Quindi ora non mi resta che aspettare il 14 agosto!!!

Se avete domande o curiosità vi aspetto nei commenti qui sotto oppure contattatemi su Facebook o Instagram.

One thought on “Il mio nuovo progetto di viaggio in solitaria: San Francisco e Hawaii

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.